Roma, percorsi di solidarietà tra operatori sociali, insegnanti e studenti

Roma, percorsi di solidarietà tra operatori sociali, insegnanti e studenti

Le reti bloccano le fratture sociali e incoraggiano la costruzione di percorsi comuni con la precarietà metropolitana, innescando forme di partecipazione che mettono al centro la costruzione di un’assistenza territoriale inclusiva. Una comunità che ricostruisca una sanità territoriale non dipendente dagli ospedali e che abolisca il principio dell’esternalizzazione dei servizi a partire dalle cooperative. Restituisca dignità ai lavoratori che operano nei servizi sociali, nella sanità e nella scuola; una comunità umana, solidale che metta ai margini il profitto e provi a ridare un volto umano a quei servizi che operano con le persone rispettando l’altezza dei loro occhi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto